Pecorino Romano fra i prodotti protetti

Palitta: “Guerra alla contraffazione e più tutela della salute dei consumatori”

Guerra aperta alle contraffazioni e più tutela della salute dei consumatori. E poi tariffe doganali ridotte del 99%, burocrazia e normative al minimo indispensabile, apertura del mercato dei servizi e degli appalti pubblici, protezione delle indicazioni geografiche. Sono questi i punti principali dell’Accordo di Libero Scambio fra Unione Europea e Vietnam, che punta a favorire il commercio e assicurare una protezione agli investimenti.

Sull’accordo, che protegge 169 Indicazioni Geografiche europee (17 italiane), fra cui il Pecorino Romano DOP, il Consiglio Europeo ha espresso parere favorevole: firmato per la prima volta ad Hanoi nel 2019, sarà ratificato dal Parlamento vietnamita a inizio della prossima estate per entrare definitivamente in vigore.  In base a questo nuovo quadro normativo, l’uso della denominazione Pecorino Romano DOP sarà riservato ai soli prodotti importati dalle zone di produzione italiane definite dal disciplinare di produzione: dunque Sardegna, Lazio e provincia di Grosseto.

“È un risultato importante, che il Consorzio ha conseguito seguendo i negoziati e collaborando con il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali”, dice il presidente del Consorzio di tutela del Pecorino Romano DOP, Salvatore Palitta. “Gli accordi di libero scambio, e la definizione di un quadro internazionale comune di tutela delle indicazioni geografiche, concorrono ad ampliare i mercati ai quali il Consorzio di Tutela guarda per ampliare i mercati, pur non trascurando i mercati tradizionali”.

L’Unione Europea, dunque, sostiene la promozione e la tutela delle indicazioni geografiche. “Anche in occasione di questo moderno accordo commerciale, il cui quadro normativo è stato definito insieme al Vietnam, l’Ue ha prestato notevole attenzione all’aspetto della protezione del proprio patrimonio culturale e gastronomico, di cui le indicazioni geografiche sono l’ossatura, per contrastare la contraffazione alimentare,  proteggere la salute dei consumatori, consolidare la loro fiducia. Alta qualità e originalità sono i punti di forza delle nostre IG, su cui dobbiamo puntare per tutelare non solo i prodotti ma anche la nostra economia, soprattutto in questo delicato momento”, spiega Palitta.

Per il Parlamento europeo, l’accordo è un forte messaggio a favore di un commercio libero, equo e reciproco, in un periodo segnato da crescenti tendenze protezionistiche e da importanti sfide per il commercio multilaterale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.