Olbia. La fotografia come medicina per il male di vivere

 

 La vita della bambinaia fotografa Vivian Maier raccontata da Francesca Diotallevi

 

L’ incredibile vicenda di Vivian Maier, la baby sitter statunitense che faceva la fotografa ma non sviluppava gli scatti, è al centro del nuovo romanzo di Francesca Diotallevi: “Dai tuoi occhi solamente” (Neri Pozza Editore).
La scrittrice milanese incontrerà – il 1 settembre alle 19,00 al politecnico Argonauti in Via Romana, 50 – i lettori nel cartellone del Festival Éntula ed in quello del Festival Popolare della Fotografia.
L’evento è nato dall’incontro di diversi attori culturali, ovvero: la Libreria Ubik di Olbia, l’associazione culturale Pulp, organizzatrice di eventi letterari e del Festival Tinte Fosche – autunno in noir,  il Politecnico Argonauti, organizzatore del Festival Popolare della fotografia e Liberos, associazione organizzatrice del festival itinerante Éntula.
A Francesca Diotallevi non interessava scrivere la biografia di una fotografa, ma capire per quale motivo Vivian Maier scattava con la sua Rolleiflex e poi non sviluppava le foto, non sottoponeva i suoi scatti al giudizio degli altri. Tanto che i rullini sono stati scoperti negli armadi solo nel 2009, quando la bambinaia-fotografa è morta. E da quel momento la sua fama iniziò ad espandersi in tutto il mondo.
“Dai tuoi occhi solamente” è un romanzo struggente ed autentico che ruota attorno alla vita della stravagante bambinaia. Il tutto si svolge negli Stati Uniti degli anni ’50, lungo le strade tra New York e Southampton dove, sempre in compagnia della sua macchina fotografica al collo, Vivian fotografa tutto quello che sembra essere degno di essere ricordato su pellicola. 

Francesca Diotallevi è nata a Milano nel 1985. È laureata in Scienze dei Beni Culturali. Tra le sue opere Le stanze buie (Mursia, 2013), Amedeo, je t’ aime (Mondadori Electa, 2015) e Dentro soffia il vento (Neri Pozza, 2016), vincitore della seconda edizione del Premio Neri Pozza sezione giovani.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.