Vertenza APA: Manca (M5S) e Ciusa chiedono la riassunzione dei 37 lavoratori licenziati dopo l’accorpamento

Desirè Manca

Vertenza APA. La capogruppo del M5S Desirè Manca e il consigliere Michele Ciusa presentano un’interpellanza, per chiedere l’assunzione dei 37 lavoratori licenziati dopo l’accorpamento delle associazioni provinciali degli allevatori.


A seguito del progetto di accorpamento delle associazioni provinciali degli allevatori, soltanto una parte delle 87 persone impiegate nel sistema delle APA e AIPA è stata riassunta. Per ben 37 lavoratori questa manovra ha invece comportato la perdita del lavoro. Una situazione drammatica, più volte affrontata dal Consiglio regionale della Sardegna, che ha deciso di provvedere a stanziare dei fondi per poter finalmente reintegrare tutti i dipendenti licenziati dalle ex APA di Cagliari e Sassari. Un reintegro chiesto con forza dagli stessi rappresentanti delle associazioni, ascoltati di recente durante i lavori della Quinta Commissione“.

Ebbene, il 13 febbraio 2019 è stato siglato il Protocollo d’Intesa tra la Regione Sardegna e l’A.A.R.S. (Associazione Allevatori della Regione Sardegna) per garantire tutte le attività di controllo funzionali e quelle sui registri anagrafici nelle aziende zootecniche. Condizione necessaria per poter garantire l’assunzione degli ex dipendenti Apa rimasti tagliati fuori. Ciononostante, questo protocollo ancora oggi non è stato attuato. La Regione temporeggia. Ecco perché chiediamo all’assessore Murgia quali siano le sue intenzioni. Di tempo ne è trascorso sin troppo“.

Puntano alla conclusione della vertenza in tempi brevi la capogruppo del M5S Desirè Manca e il consigliere regionale Michele Ciusa (M5S), firmatari di una interpellanza in favore dei lavoratori ex APA ancora senza lavoro.

Per quanto riguarda i fondi a disposizione, inoltre, Manca e Ciusa spiegano che il contributo Ministeriale assegnato alla Regione Sardegna per il 2019, di oltre 1 milione di euro, coprirebbe solo parzialmente il costo sostenuto per le attività dei controlli.

Quell’importo è sufficiente a garantire gli stipendi a soli 20 dipendenti dei 48 attualmente assunti. Per questo – affermano- “è necessario procedere a stanziare dei fondi integrativi regionali“.

 “Prima di tutto però – sottolineano – la Regione deve mantenere gli impegni presi con il protocollo d’Intesa e garantire il sostegno finanziario ai lavoratori attraverso una delibera di Giunta destinata ai controlli aggiuntivi del settore ovino, condizione imprescindibile per poter riassorbire i lavoratori delle vecchie Associazioni“.

Manca e Ciusa chiedono pertanto all’assessore all’Agricoltura Murgia se sia a conoscenza della gravosa situazione in cui versano i lavoratori ex APA e, soprattutto, quali azioni intenda intraprendere per rendere al più presto operativo il Protocollo d’Intesa che deve garantire sia la continuità del rapporto di lavoro per tutti i 48 dipendenti attualmente in carico ad A.A.R.S., sia il reintegro dei 37 Aipa licenziati.

Michele Ciusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.