Firenze. Arrestato l’uomo che prese a calci il suo cane in stazione

Agli agenti della Polfer che lo avevano colto sul fatto mentre prendeva a calci un cucciolo di meticcio aveva detto: «È solo un cane, se volete prendetevelo».

 

Ma quell’increbibile gesto di violenza, compiuto nel 2015 nella stazione di Santa Maria Novella (Firenze) sotto gli occhi di tanti viaggiatori, è costato molto a S.S, originario di Reggio Calabria ma residente nel Milanese. L’uomo, un pregiudicato 53enne, attualmente in carcere per altri reati, è stato prima rinviato a giudizio nel gennaio 2016, poi condannato in primo grado a 3 mesi di reclusione, con la confisca del cane – oggi adulto – e il pagamento delle spese processuali.

 

L’Enpa, che nel procedimento penale è stato parte civile con l’avvocato Claudia Ricci, esprime soddisfazione: «Questa – dice Ricci – è una sentenza molto importante, conferma l’attenzione e il rigore con cui le autorità di pubblica sicurezza e la magistratura perseguono i reati in danno agli animali. Grazie a una giurisprudenza in continuo divenire, sempre sempre più numerosi i casi di abusi sugli animali che non solo vengono denunciati ma che giungono a sentenza».

 

D’altro canto, la costruzione di una società realmente animal friendly passa anche per le aule dei tribunali. «Punire questo tipo di reati – aggiunge Marco Bravi, presidente del Consiglio Nazionale Enpa e responsabile della Sezione fiorentina – si riverbera inevitabilmente sui comportamenti collettivi, poiché traccia una linea indelebile tra ciò che è lecito e ciò che non lo è, anche e soprattutto dal punto di vista etico. Su questo versante sono stati fatti importanti passi avanti, tuttavia non dobbiamo assolutamente abbassare la guardia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.