Il sassofonista Javier Girotto e il fisarmonicista Vince Abbracciante domani al Birdland di Sassari e mercoledì al Jazzino di Cagliari.

Jazz, folclore, tango, improvvisazione e scrittura neoclassica si incontrano e si intrecciano in un dialogo musicale, lirico e coinvolgente nel duo formato da Javier Girotto (sax soprano, baritono e flauti) e Vince Abbracciante (fisarmonica) che approda in Sardegna per due appuntamenti proposti dalla cooperativa Forma e Poesia nel Jazz

domani sera (martedì 8) a Sassari, per un concerto negli spazi e con la collaborazione del Birdland (Z.I. Predda Niedda, strada 22) con inizio alle 21,15 (sala aperta alle 20; prenotazioni allo 079262556 e al 3208111019); mercoledì (9 dicembre) a Cagliari, sul palco e con la partecipazione del Jazzino (via Carloforte, 74/76) a partire dalle 21.45 (apertura ore 20; music charge 10 euro; prenotazioni allo 0708571621 o con SMS o Whatsapp al 3914603924). 

È un sodalizio artistico che si è formato quest’anno, quello del sassofonista argentino (ma da lungo tempo di casa in Italia) con il più giovane fisarmonicista pugliese (di Ostuni, in provincia di Brindisi).

Proprio in Puglia sono le origini della famiglia di Javier Girotto che, nato nel 1965 a Cordoba, si trasferisce in Italia venticinquenne, dopo aver studiato in patria e al Berklee College of Music di Boston. A Roma intraprende la carriera professionale alternando le collaborazioni nel campo della musica commerciale e latina con la formazione di gruppi jazz, come Tercer Mundo, Six Sax (con cui registra nel 1995 il primo disco da leader) e, soprattutto, gli Aires Tango, in cui sperimenta il connubio fra jazz e gli stilemi della musica argentina e del tango. Un percorso che porterà avanti in seguito con un ampio ventaglio di progetti e formazioni: tra gli altri, i gruppi Cordoba Reunion, il Vertere String Quartet, l’Atem Saxophon Quartet, il sestetto Latin Mood, i duo con Bebo Ferra, Ralph Towner, Michele Campanella, Gianni Iorio. Lungo l’elenco delle collaborazioni che vedono coinvolto Javier Girotto: da Enrico Rava a Roberto Gatto, da Rita Marcotulli a tanti musicisti stranieri del calibro di Bob Mintzer, Randy Brecker, Danilo Perez, Gary Burton, Miroslav Vitous, Tony Scott, Louis Sclavis, Michel Godard, Anouar Brahem, Horacio Hernandes, Andy Sheppard.

Classe 1983, Vince Abbracciante ha intrapreso ad appena otto anni un percorso di formazione musicale che conta master class con musicisti come Franco D’Andrea, Bruno Tommaso, Richard Galliano, Joelle Leandre, Steve Potts, Roberto Gatto, Dado Moroni, Jacques Mornet, Rosario Giuliani e il diploma in musica jazz al Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli sotto la guida di Gianni Lenoci. Nel 2006 si avvicina alle tastiere vintage, come l’organo Hammond, Farfisa, Rhodes ecc, dando sfogo alla sua vena creativa e psichedelica. Nel 2009 progetta insieme a Carlo Borsini un nuovo sistema per il cambio dei registri della fisarmonica, che permette di ampliare la gamma sonora del suo strumento. Vincitore nel 2000 del venticinquesimo concorso internazionale “Città di Castelfidardo”, e nel 2003 del cinquantatreesimo Trofeo Mondiale di fisarmonica, nel 2011 il festival internazionale di Castelfidardo gli ha attribuito il prestigioso premio “Voce d’oro”, mentre nel 2013 è stato premiato dal festival ArgoJazz di Marina di Pisticci (MT) come miglior strumentista dell’anno. Oltre a un’intensa attività concertistica che l’ha portato sui palchi di cinque continenti, ha scritto le colonne sonore per i film del regista Gianni Torres “Le Mamme di San Vito” (2010), “Unique” (2014) e “Angels in Bangkok” (2015).

Con Javier Girotto e Vince Abbracciante si apre un mese di dicembre con diversi impegni in calendario per Forma e Poesia nel Jazz che domenica prossima (13 dicembre), dalle 11.30 alle 12.30, propone un aperitivo musicale con il sassofonista Andrea Morelli e il contrabbassista Maso Spano al borgo San Gregorio, la frazione del comune di Sinnai, a mezz’ora d’auto da Cagliari, nell’ambito della manifestazione “Verso L’Eremo Ospitale”, a cura di Botteghe in piazza e Alla Scoperta di.…
Lunedì 28 (ore 21), a Cagliari, c’è invece l’immancabile appuntamento natalizio con il gospel: di scena, all’Auditorium Comunale, il gruppo June & The Sionettes.
Infine, due serate da non perdere con un’autentica icona del jazz italiano: il 28 al Birdland di Sassari e il 29 al Jazzino di Cagliari, riflettori puntati sul chitarristaFranco Cerri (novant’anni il prossimo gennaio), accompagnato dai sardi Paolo Carrus (pianoforte), Massimo Tore (contrabbasso) e Paolo Migoni (batteria).

* * *

FPJ – Forma e poesia nel jazz – soc. coop. soc.
tel. 070 45 13 104
e-mail: formaepoesianeljazz@gmail.com
http://formaepoesianeljazz.it

Javier Girotto e Vince Abbracciante

Javier Girotto e Vince Abbracciante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.