Lunamatrona. Cristiano Cavina, presenta il libro “La pizza per autodidatti”

Il Consorzio Turistico Sa Corona Arrùbia e l’Associazione Lìberos presentano nuove  proposte di lettura presso il Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu con la presenza di autori sardi, italiani e stranieri.

Il prossimo appuntamento, previsto per sabato 12 dicembre alle ore 18,  prevede la  partecipazione di Cristiano Cavina, autore del libro “La pizza per autodidatti” (Marcos y Marcos), con la presentazione di Andrea Pau.

Lo scrittore presenterà il libro con le “mani in pasta”, facendo una dimostrazione su come si prepara la pizza.

L’autore Cristiano Cavina nasce a Casola Valsenio nel maggio del 1974; cresce in viale Neri, nelle case popolari, con sua madre, che l’ha cresciuto da sola. Ci vive ancora adesso. Made in Casola è il suo marchio di fabbrica, la firma in calce a tutte le sue mail. Scopre la magia della narrazione al bar, ascoltando i racconti dei vecchi; quando poi comincia a leggere libri, la sua strada è tracciata.

Ama raccontare le cose che conosce da vicino: la sua infanzia in Alla grande (Premio Tondelli) e Un’ultima stagione da esordienti; l’epopea di Nonna Cristina in Nel paese di Tolintesàc; la sua storia di figlio senza padre e di padre fuori dagli schemi nei Frutti dimenticati (Premio Castiglioncello, Premio Vigevano, Premio Serantini, Selezione Premio Strega). Scavare una buca è ambientato nell’immensa cava di gesso alle porte di Casola Valsenio. Mentre il suo ultimo romanzo, Inutile Tentare Imprigionare Sogni nasce dall’esperienza di cinque anni di ITIS e rivela più che mai la sua voce forte e chiara, il suo sguardo ridente di narratore per natura.

Ancora oggi, dopo il successo dei suoi romanzi, a chi gli chiede che cosa fa nella vita, Cristiano risponde: il pizzaiolo. Che è un grande narratore possiamo dirlo noi, i suoi lettori sempre più numerosi, i librai che lo seguono da sempre, i critici più severi.

IL LIBRO La pizza per autodidatti (Marcos y Marcos) “Fare le pizze è come amare qualcuno. Deve venire facile e quando si inizia a faticare vuol dire che c’è qualcosa che non va.” Non se l’era mica scelto lui, quel mestiere. All’inizio, tra panetti che facevano gli spigoli e sabati sera davanti al forno invece che in discoteca con gli amici, era un calvario. Ma dopo vent’anni, con un impasto e un forno a legna può fare quello che vuole, anche bendato.

Sforna pizze buone e leggere come uno sbuffo di farina. Con quattro o cinque foglie di tarassaco, e altrettante fette di pancetta. Con santoreggia e salame piccante, topinambur e salsiccia, squacquerone e rosmarino.

Alla pizzeria Il Farro di Casola Valsenio, ormai Cristiano è “il pizzaiolo quando c’è”. I giorni che non porta la legna a braccia per le scale, magari va a Roma per lo Strega, o sul palco di un festival incontra Doris Lessing con uno scialle uguale a quello di sua nonna.

Questo libro è come la sua vita, unisce mondi che sembrano lontani, tra segreti preziosi sulla pizza e racconti esilaranti.

Ha il calore del suo sangue romagnolo, lo slancio delle sue avventure senza rete.

Ha il gusto del lavoro ben fatto. E fa venire l’acquolina in bocca.

 

Evento realizzato con il contributo di

Regione Autonoma della Sardegna

Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport

Assessorato del turismo, artigianato e commercio

Banca di Sassari

Consorzio turistico Sa Corona Arrubia e in collaborazione con la casa editrice Marcos y Marcos e libreria Sa Tellaja di Pauli Arbarei

CAVINA_SaCorona_web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.