Francesco Mattana: “Sito Sardegna consumatore: pozzo senza fine e bando discriminatorio”

Da tempo abbiamo segnalato l’inutilità del sito regionale sardegnaconsumatore costato caro alla collettività cosi come numerose volte abbiamo denunciato la situazione ai media..ed agli amministratori pubblici abbiamo chiesto di verificarne l’utilizzo ,cosi come la richiesta di concertare in accordo con le associazioni dei consumatori la distribuzione delle somme per progetti appunto a vantaggio dei consumatori,appello caduto nel vuoto con la precedente giunta e idem con l’attuale esecutivo in carica.

Il fai da te in materia di tutela del consumatore appare uno dei pilastri di questo esecutivo che mai ha cercato o voluto aprire un confronto con i responsabili delle associazioni dei consumatori.
È notizia di ieri
(http://www.regione.sardegna.it/j/v/1725?s=1&v=9&c=389&c1=1284&id=50447)
che è in vigore un nuovo bando per potenziare il sito sardegnaconsumatore con una spesa di circa 180 mila euro da sommare ai precedenti per un sito ove le notizie appaiono prese dalle maggiori testate consumeristiche raggiungibili con un link alla fonte… peccato che le notizie siano tutte oltre mare e raramente attinenti alla regione sardegna,cosi come più volte i comunicati , inviati anche da questa rappresentanza regionale non siano mai stati pubblicati..
Non paghi di questo, nel bando oltre alla effettiva esperienza in materia consumeristica si chiedono titoli di studio per poter collaborare,discriminando le categorie che titolo non hanno ma possono far valere l’esperienza documentata in ambito della tutela del consumatore, difatti le condizioni di partecipazione sono limitative e lesive del principio del “favor partecipationis“. Cosi come la partecipazione per massimo 12 associazioni escludendo tutte le altre.
Ci chiediamo quando i delegati politici si sveglieranno e decideranno di porre fine a questo andazzo e quando finalmente ci si potrà sedere tutti ad un tavolo per poter decidere insieme dove è meglio spendere questi soldi a vantaggio dei consumatori!!,cosi come previsto dai Map ministeriali.

Ma soprattutto si chiede il ritiro o correzione delle parti non attinenti al bando soprattutto favorendone la massima partecipazione.
Francesco  Mattana
Rappresentante Regione Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.