Stagione teatrale di prosa 2015 al CineTeatro

Il primo appuntamento per la stagione di prosa 2015 al CineTeatro Nelson Mandela, è previsto per venerdì 9 gennaio con “le mille e una notte”. La vendita degli abbonamenti è iniziata al CineTeatro il 2 gennaio dalle ore 10.30 alle ore 12.30, e proseguirà fino al 9 gennaio. Per info Cooperativa La Beddula 3396785569.

 

CeDAC
XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo
GIU’ LA MASCHERA!
SANTA TERESA GALLURA
Cineteatro Comunale Nelson Mandela
Stagione di Prosa 2014-2015
Il fascino di una fiaba orientale e i misteri dell’inconscio, insieme a un vivido affresco dell’Italia nella prima metà del Novecento e una riflessione sulla casualità dei destini – per la Stagione di Prosa 2014-2015 al Cineteatro Comunale Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura, organizzata dal CeDAC – nell’ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo, con lo slogan “Giù la Maschera!” – con il patrocinio e il sostegno del Comune di Santa Teresa Gallura. Quattro spettacoli in cartellone – dal 9 gennaio al 29 marzo 2015 – in un affascinante intreccio di suggestioni letterarie e cinematografiche, in cui le creature nate dalla fantasia prendono corpo sulla scena, assumendo piena realtà nella finzione del teatro, in un’intrigante antologia di classici e testi contemporanei.
Una rosa di quattro titoli per un’indagine sull’uomo – e il sottile confine fra vita e sogno – che mette in luce il potere svelante del teatro, capace di mettere a nudo la verità dei personaggi e mostrare il volto più nascosto della realtà – riassunto nello slogan di stampo pirandelliano “Giù la Maschera!”. Sotto i riflettori artisti come Ivana Monti e la splendida Caterina Murino accanto a Giorgio Lupano e Rosario Coppolino in “Doppio Sogno”; Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti, protagonisti de “Il bell’Antonio” dal romanzo di Brancati. In cartellone anche una storica compagnia come il Teatro del Carretto – fondata dalla regista Maria Grazia Cipriani e dallo scenografo Graziano Gregori, per un’inedita e intrigante rilettura de “Le mille e una notte” e il giornalista e scrittore Beppe Severgnini ne “La vita è un viaggio”.

Il sipario si aprirà – venerdì 9 gennaio alle 21 – su “Le mille e una notte” nell’immaginifica versione del Teatro del Carretto, con drammaturgia e regia di Maria Grazia Cipriani e scene e costumi di Graziano Gregori: tre giovani e bravissimi interpreti – Elsa Bossi, Giacomo Vezzani, Nicolò Belliti – danno vita al gioco metateatrale dello spettacolo pensato come «un labirinto in cui si passa attraverso una storia e ci si ritrova in altre storie, incatenate l’una all’altra come anelli di una catena» in una narrazione a tratti rapsodica, a formare «un unico arazzo che vuole essere un fiducioso canto alla vita».
La favola antica di Shahrazad, la figlia del Visir, che vince la crudeltà del Sultano conquistandolo con i suoi racconti, oltre a rendere omaggio all’intelligenza e all’astuzia femminile allude a una verità triste e dolorosa, e purtroppo di scottante attualità, sulla condizione delle donne nella società
– ieri come oggi- e a un’idea distorta dell’amore come possesso, che troppo spesso culmina in tragedia.
Cast stellare per “Doppio Sogno” scritto e diretto da Giancarlo Marinelli, tratto dall’omonimo racconto di Arthur Schnitzler (cui Stanley Kubrick si è ispirato per il suo ultimo film, “Eyes Wide Shut”): sotto i riflettori – giovedì 22 gennaio alle 21 – Ivana Monti, splendida attrice di teatro e cinema, spesso presente sul piccolo schermo, e Caterina Murino, diva del grande schermo, specialmente d’oltralpe – e affascinante Penelope nella fiction di RaiUno “Il ritorno di Ulisse” con Alessio Boni – accanto a Giorgio Lupano – volto noto per il pubblico televisivo, ma anche attore di cinema e teatro – e Rosario Coppolino. Completano il cast Andrea Cavatorta, Francesco Cordella, Serena Marinelli, Simone Vaio; le scene sono di Paolo Beleù e Andrea Bianchi; i costumi di Adelia Apostolico, le musiche di Roberto Fia e il disegno luci di Daniele Davino.
La pièce originale – nell’allestimento della Compagnia Molière – indaga fra le pieghe dell’inconscio, tra i misteri dell’eros e la paura del tradimento, attraverso la vicenda di una giovane coppia alle prese con la noia della routine, per cui i sogni diventano una via di fuga, ma anche un pericoloso segreto da condividere, nei territori ambigui della fantasia e del desiderio.
Tra i protagonisti della Stagione di Santa Teresa Gallura, Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti, diretti da Giancarlo Sepe ne “Il bell’Antonio”, mise en scène del celebre romanzo di Vitaliano Brancati, nell’adattamento firmato dalla figlia dello scrittore, Antonia Brancati, e da Simona Celi (in programma mercoledì 4 febbraio alle 21). Nel cast: Elena Callegari, Simona Celi, Michele De’ Marchi, Natale Russo, Alessandro Romano e Luchino Giordana (nel ruolo di Antonio); le scene sono di Carlo De Marino e il disegno luci di Franco Ferrari. Lo spettacolo (produzione Lux Teatro) racconta la storia di uomo bellissimo e nullafacente, nella Sicilia sotto il regime fascista: un giovane affascinante e ambito, costretto dalle convenzioni a subire un destino contrario alla sua natura.
Satira dei costumi, e delle ideologie, nella pièce al confine fra commedia e dramma: l’impossibilità di amare diventa pietra dello scandalo, la sfera privata diventa pubblica, ed emerge la contraddizione tra i valori di una cultura millenaria, ma soprattutto i pregiudizi di una certa parte della società, e l’intima tragedia di un personaggio, fino all’amaro e grottesco epilogo.
Suggellerà l’interessante cartellone – domenica 29 marzo alle 21- Beppe Severgnini, giornalista e scrittore, noto editorialista del Corriere della Sera e opinionista televisivo, protagonista e autore de “La vita è un viaggio” insieme a Marta Isabella Rizi e alla cantante Elisabetta Spada (in arte Kiss & Drive: sue le musiche originali), per la regia di Francesco Brandi. Lo spettacolo (prodotto da Sosia & Pistoia) racconta l’incontro-scontro tra un uomo e una donna – molto più giovane di lui
– in attesa “forzata” in un aeroporto: il caso – l’annullamento di un volo – crea una parentesi di tempo in cui i due confrontano le proprie differenti, se non opposte, visioni della vita e del mondo, svelandosi via via in una conversazione che in qualche modo li induce a riflettere su se stessi e a ripensare le proprie vite. L’iniziale diffidenza e ritrosia lascia il posto a una conversazione su temi come il talento e la tenacia, si parla delle inquietudini e dei timori inevitabili – nel lavoro e nella vita – e della necessità di trovare solidi punti di riferimento, come del piacere di riscoprire la semplicità. Poi la notte finisce, e «arriva il momento di partire: ognuno per la propria destinazione, che forse diventa la stessa».
Al via la campagna abbonamenti presso il Cineteatro Comunale Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura – dal 2 gennaio 2015, dalle 10.30 alle 12.30 – (info: cell. 339.6785869- e-mail: cooperativalabeddula.teatro@gmail.com – www.comunestg.it)
La Stagione di Prosa 2014-15 al Cineteatro Comunale Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura, organizzata dal CeDAC con il patrocinio e il sostegno dell’amministrazione comunale di Santa Teresa Gallura (nell’ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo con lo slogan “Giù la maschera!”), è patrocinata e sostenuta dal MiBAC/ Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Sardegna, con il supporto della Fondazione Banco di Sardegna e uno sponsor prezioso come Sardinia Ferries.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.