Gerardo Greco umiliato e offeso: Rete4 lo fa fuori e richiama Del Debbio


Nel fallito restyling di Rete4, si consuma il divorzio non indolore fra Greco e la rete Mediaset, che richiama all’ovile Paolo Del Debbio

di Marco Zonetti

Gerardo Greco umiliato e offeso: Rete4 lo fa fuori e richiama Del Debbio

FacebookTwitterLinkedInFlipboardWhatsAppEmailPrint

Rete4 allontana definitivamente Gerardo Greco e si riprende Paolo Del Debbio. Questa la summadella vicenda che vede fallire – come ampiamente predetto da affaritaliani fin da subito – il tentato restyling della rete Mediaset che, dopo il 4 marzo e l’insuccesso di Forza Italia a favore di Lega e m5s, pensava di ribaltare la situazione cambiando radicalmente il piglio dell’informazione.

Peccato però che l’informazione di Rete4 partisse populista fin dagli albori – leggi Emilio Fede pro Silvio Berlusconi – e che quindi il target di riferimento fosse per l’appunto quello populista oggi declinato in “sovranista”. Dopo anni di giornalismi strillato e di pancia, che tanto piaceva ai telespettatori della rete, l’aplomb inglese, l’approccio pacato e riflessivo e le grisaglie di Greco non soltanto non hanno conquistato nuovi pubblici ma hanno respinto – incolpevolmente da parte dell’ex direttore del Giornale Radio Rai – anche parte di quello già consolidato.

E così, dopo la chiusura della sua trasmissione del giovedì sera W L’Italia – Oggi e Domaniecco che il giornalista  viene senza mezzi termini esautorato anche dalla direzione del Tg4 sostituito da Rosanna Ragusa. Il divorzio non sarà indolore, visto che Greco – giustamente – si sente danneggiato nella propria immagine, e bisogna vedere se le due parti in causa – lui e Mediaset, insomma – riusciranno a raggiungere un accordo amichevole o se il tutto finirà in tribunale. 

Intanto, dal 7 marzo, in prima serata, Paolo Del Debbio – allontanato anche’egli neanche troppo graziosamente mesi fa dopo anni e anni di onorato servizio – viene richiamato all’ovile e si riprende lo spazio del giovedì che portava una cospicua media di ascolto alla rete, la quale fa dietro front e torna alla sua veste più consona. Giusto in tempo per le Elezioni Europee e in vista del trionfo annunciato di Matteo Salvini e della Lega.

di Marco Zonetti

Fonte: www.affaritaliani.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.