GdF Bergamo: sgominata associazione dedita all’emissione di fatture false

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bergamo, coordinati dalla
locale Procura della Repubblica, hanno scoperto e disarticolato un’associazione a
delinquere attiva nel territorio della Bassa Bergamasca e con propaggini anche in provincia di Milano e Brescia, portando alla luce un giro milionario di fatture false e di riciclaggio nel settore edile.

BergamoL’attività investigativa condotta dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria
di Bergamo, sotto la direzione del Pubblico Ministero, dott. Davide Palmieri, si è conclusa
dopo un anno d’indagini, con l’emissione di 15 misure cautelari, a firma del GIP del Tribunale
di Bergamo – dottoressa Ilaria Sanesi –. Sono 4 le persone finite in carcere e 11 quelle
raggiunte da provvedimenti quali il divieto di esercitare impresa e l’obbligo di presentazione
alla polizia giudiziaria. Nel corso delle operazioni sono stati sequestrati oltre 330 mila euro,
tra denaro contante e disponibilità su conti correnti.
In particolare, l’organizzazione criminale indagata è accusata di aver costituito una fitta rete
di società cosiddette “cartiere”, tutte intestate a prestanome, 7 con sede dichiarata in Italia
e 6 in Slovenia, create allo scopo di emettere fatture false. Documenti riferiti ad operazioni
inesistenti annotati in contabilità da 15 società, operanti nel settore edile, che in tal modo si
sono create costi fittizi, evadendo imposte dirette e IVA per oltre 11 milioni di euro.
Inoltre, i Finanzieri hanno scoperto che le società riconducibili al sodalizio sono servite
anche per assumere, solo sulla carta, numerosi dipendenti, avviati a lavorare per altre
società, le quali hanno potuto usufruire di manodopera a basso costo, non avendo assunto
i lavoratori e non dovendo quindi sostenere per loro i relativi oneri fiscali e previdenziali,
rimasti in capo alle “cartiere”. Queste ultime, però, attraverso un meccanismo di false
compensazioni, anche in questo caso, non hanno versato ne contributi ne imposte per i
dipendenti, con un’evasione di oltre 5 milioni di euro.
Le indagini, condotte anche attraverso intercettazioni ambientali, l’approfondimento di
segnalazioni di operazioni sospette ed accertamenti bancari, hanno altresì consentito
l’identificazione dei complici dell’organizzazione che, a vario titolo, sono accusati per averne
agevolato l’illecita attività.
In particolare, sono stati individuati sia coloro che, dietro compenso, hanno acconsentito di
figurare quali intestatari delle società “cartiere”, sia coloro che sono stati impiegati
nell’attività di riciclaggio dei proventi delle fatture false. Questi ultimi, in particolare,
attraverso quotidiani prelievi di denaro contante dai conti correnti societari sui quali sono
confluiti i pagamenti delle false fatture, provvedevano a restituire l’importo al beneficiario del documento fiscale, decurtato di una percentuale di circa il 20%, costituente il provento
illecito per l’organizzazione criminale.
I Finanzieri, attraverso pedinamenti e videoriprese e grazie ad una telecamera nascosta in
un ufficio di Treviglio, base operativa dell’organizzazione, hanno ricostruito le operazioni di
prelievo del denaro in banca, di conteggio e della restituzione dei soldi agli imprenditori.
L’attività di servizio condotta dalla Guardia di Finanza di Bergamo s’inquadra nel più ampio
dispositivo di polizia economica finanziaria predisposto dal Corpo, finalizzato a contrastare
le frodi fiscali ed il riciclaggio dei proventi illeciti derivanti dell’evasione, per salvaguardare
l’Erario e gli imprenditori onesti, danneggiati da fenomeni – come quello scoperto – che
inquinano il mercato e penalizzano le imprese sane.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.