Cagliari. Al Conservatorio il terzo appuntamento della Stagione Concertistica 2018

Il fascino delle Sonate di Domenico Scarlatti e la Musica Ricercata di György Sándor Ligeti accanto alla celebre Sonata in fa diesis minore n. 3 op 23 di Aleksandr Nikolaevič Skrjabin per un affascinante viaggio tra Settecento e Novecento, con il Recital del pianista Carlo Palese in cartellone martedì 15 maggio alle 18 all’Auditorium del Conservatorio “G. Pierluigi da Palestrina” di Cagliari per il terzo appuntamento con la Stagione Concertistica 2018 a cura dell”Associazione Amici della Musica di Cagliari, intitolata “Da Scarlatti al Terzo Millennio”.

Sotto i riflettori il brillante interprete dello strumento a tastiera, che ha affinato la sua preparazione grazie ai preziosi incontri con musicisti come Maria Tipo, Pietro Rigacci, Murray Perahia e Piero Rattalino: vincitore di prestigiosi concorsi internazionali, Carlo Palese ha all’attivo un’intensa carriera concertistica come solista e in importanti formazioni cameristiche con artisti di assoluto rilievo. Ha collaborato con violinisti come Alberto Bologni, Alessandro Cappone, Sam Mc Clure, Hae Sun Kang, Lucio Degani,Gregory Sandomirsky, Alexandre da Costa, Paolo Franceschini, con i violoncellisti Giorgio Fiori, Cecilia Radich, Brian Kubin e Andrea Nannoni, oltre che con i pianisti Cristiano Grifone, Andrea Rebaudengo, Giuseppe Bruno. In duo con l’organista Claudio Brizi ha approfondito il repertorio ottocentesco per harmonium e pianoforte.

Si è cimentato con i capolavori della musica classica dedicando però una particolare attenzione alle opere di compositori contemporanei, alcune delle quali a lui dedicate da Gabriele Manca, Gabrio Taglietti, Giovanni Salvemini, Fabrizio Festa, Gabriel Senanes, collaborando con ensembles come Alter Ego, Sentieri Selvaggi, Set of Three.

Docente di Pianoforte principale all’Istituto superiore di Studi Musicali “L.Boccherini” di Lucca, Carlo Palese tiene regolarmente Masterclass per importanti istituzioni in Italia e all’estero, ed è ‘ spesso invitato a far parte della Giuria in Concorsi pianistici internazionali. Responsabile artistico della rassegna “Classica con Gusto” presso la Fondazione Teatro Goldoni di Livorno, è presidente di Livornoclassica e direttore artistico del concorso internazionale “Livorno Piano Competition”.

Artista di fama, versatile interprete capace di spaziare fra il repertorio classico e la musica contemporanea, Carlo Palese proporrà un interessante percorso, che si apre nel segno di Domenico Scarlatti, il grande clavicembalista e compositore partenopeo del periodo barocco, grande innovatore della tecnica e dell’espressione dello strumento a tastiera – cui è dedicata la Stagione degli Amici della Musica – con le Sonate K 380 in Mi maggiore (Andante comodo) e K 547 in Sol maggiore (Allegro).

Focus poi su una delle pietre miliari della letteratura pianistica, quella “Musica Ricercata” di György Sándor Ligeti che racchiude in undici brani un’ardua sfida compositiva, che determina a priori il numero delle note, un una sorta di crescendo dalle due iniziali alle dodici del pezzo finale lasciando ampio spazio all’invenzione ritmica e alla creazione di suggestive atmosfere che rimandano alla semplicità delle melodie popolari.

In un esaltante crescendo, si susseguono i tempi Sostenuto – Misurato – Prestissimo, Mesto rigido e cerimoniale, Allegro con spirito, e ancora il Tempo de Valse (poco vivace – “à l’ orgue de Barbarie”) e un Rubato. Lamentoso, un Allegro molto capriccioso, il Cantabile, molto legato e il Vivace. Energico , poi (Béla Bartòk in memoriam) Adagio. Mesto-Allegro maestoso, un movimento Vivace. Capriccioso e infine (Omaggio a Girolamo Frescobaldi) Andante misurato e tranquillo.

Il pianoforte diventa strumento a percussione – secondo la lezione di Bèla Bartòk – tra ritmi vorticosi e curiose variazioni, echi quasi mediorientali e rimandi alla tradizione dell’Est Europa, tra ipnotiche reiterazioni, metriche danzanti, suoni “notturni” e una vorticosa Fuga come tributo al compositore ferrarese Girolamo Frescobaldi.

Finale travolgente, con la splendida e virtuosistica Sonata in fa diesis minore n. 3 op 23 di Aleksandr Nikolaevič Skrjabin – quasi una trasposizione in musica di una metamorfosi interiore attraverso differenti e contrastanti stati d’animo, dal dolore al piacere, dalla sconfitta al trionfo: secondo le indicazioni dell’autore, “in mezzo a una tempesta si leva la voce dell’Uomo-Dio o dell’Uomo-Creatore, che grida un canto di vittoria, ma, ancora debole, ricade nell’abisso del nulla”.

L’incipit Drammatico, esprime il tormento interiore, con un tema cantabile e quasi imperioso che si contrappone ad un secondo, egualmente cantabile, più fragile e un’anticipazione del finale, poi l’Allegretto, caratterizzato da una figura puntata, che porta una ventata di leggerezza e grazia, mentre di nuovo l’Andante in forma di Lied con accenti struggenti ma anche delicati riporta alla temperie iniziale, e infine il conclusivo Presto con fuoco, in forma di Rondò, in cui si accostano due temi, uno più impetuoso, l’altro quasi rasserenante, culminante in potenti accordi che preludono all’incisiva, quasi lapidaria conclusione.

Un raffinato Recital capace di esaltare le potenzialità espressive dello strumento a tastiera in una varietà di accenti e stili p: Carlo Polese rende omaggio a grandi maestri del passato, in una affascinante antologia di pagine emblematiche dell’arte del pianoforte, tra estro e fantasia, pathos e poesia.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

La Stagione Concertistica 2018 degli Amici della Musica di Cagliari proseguirà giovedì 24 maggio alle 18 all’Auditorium del Conservatorio al suono enigmatico dello strumento inventato dal fisico Lev Sergeevič Termen (conosciuto in occidente come Léon Theremin) con il concerto del duo che schiera Thorwald Jørgensen al theremin e Kamilla Bystrova al pianoforte – – per un itinerario suggestivo e insolito tra un Notturno di Thierry Besançon e Distant Shores di Thorwald Jørgensen, la Serenata Malinconica di Pëtr Il’ič Čajkovskij e il Prelude, Op. 32 nr. 10 in Si maggiore e Vocalise di Sergej Rachmaninov e ancora la Melodia ebraica di Joseph Achron e il Concerto in Fa maggiore di Reinhold Gliere per chiudere con Le Rossignol di Alexander Alyabieff.

Nel segno di Domenico Scarlatti – martedì 5 giugno alle 18 all’Auditorium del Conservatorio con l’assolo della pianista Angela Oliviero – sulle note delle Sonate K 432 in Sol maggiore (Allegro), K 198 in mi minore (Allegro), K 340 in Re maggiore (Non presto ma a tempo di ballo), K 436 in Re maggiore (Allegro) e K 27 in si minore (Allegro); a seguire la Sonata in Sol maggiore op.39 n. 2 (Allegro, Adagio, Allegro con spirito) di Muzio Clementi che lascia il posto alla musica di Claude Debussy – dal Children’s Corner con Doctor Gradus ad Parnassum, Jimbo’s Lullaby, Serenade for the Doll, The snow is dancing, The little Shepherd, Golliwogg ‘s cake-walk, al I quaderno di Images con Reflets dans l’eau, Hommage à Rameau e Mouvement.

Interamente incentrato sulle Sonate per clavicembalo di Domenico Scarlatti anche il recital del pianista e compositore Francesco Libetta previsto per domenica 10 giugno su un palcoscenico da definire mentre toccherà al cagliaritano Lucio Garau inaugurare insieme all’Orchestra Palestrina diretta da Corrado Lepore – venerdì 6 luglio alle 18 all’Auditorium del Conservatorio un nuovo capitolo del progetto pluriennale dedicato a “Il Solista e l’Orchestra”: in programma il Concerto K 488 in La maggiore (Allegro, Adagio, Allegro assai) e il Concerto K 595 in Si bemolle maggiore (Allegro, Larghetto, Allegro) di Wolfgang Amadeus Mozart.

Antonio Vivaldi e “Le quattro stagioni” – per il concerto del Bizzarria Ensemble con il violinista Attilio Motzo in cartellone venerdì 31 agosto nella chiesa di San Francesco a Cagliari che ospiterà l’indomani – sabato 1 settembre – ancora il Bizzarria Ensemble insieme alla violoncellista Rebecca Ferri sulle note del Concerto in Sol Maggiore RV 414 (nei tempi Allegro molto, Largo, Allegro), del Concerto in do minore RV 402 (Allegro, Adagio, Allegro), del Concerto in re minore RV 405 (Allegro, Adagio, Allegro), del Concerto in la minore RV 420 (Andante, Adagio, Allegro) e del Concerto in Sol Maggiore RV 413 (Allegro, Largo, Allegro) del grande compositore veneziano.

Riflettori puntati su Francesco Giammarco (fortepiano) sul palco dell’Auditorium del Conservatorio con l’Orchestra Palestrina diretta da Corrado Lepore giovedì 4 ottobre alle 18 per un nuovo appuntamento con “Il Solista e l’Orchestra” che darà il la alla seconda parte della Stagione Concertistica 2018 (Autunno – Inverno): il dialogo e l’interazione tra lo strumento a tastiera e l’ensemble emergerà nell’esecuzione del Concerto K 450 in Si bemolle maggiore (Allegro, Andante, Allegro) e del Concerto K 451 in Re maggiore (Allegro assai, Andante, Allegro di molto) di Wolfgang Amadeus Mozart.

Il mandolino virtuoso di Emanuele Buzi e l’Orchestra Palestrina – giovedì 11 ottobre alle 18 all’Auditorium del Conservatorio di Cagliari – per un nuovo excursus nella musica di Antonio Vivaldi: riecheggeranno melodie e accordi del Concerto in la minore RV461 (nei tempi Allegro non molto, Larghetto, Allegro), da un concerto per oboe e del Concerto in Do RV425 (Allegro, Largo, Allegro), del Concerto in Si bemolle maggiore RV364 (Allegro, Adagio, Presto), da un concerto per violino e del Concerto in Re maggiore RV9 (Allegro, Largo, Allegro), da un concerto per due violini, liuto e basso continuo nella versione del più acuto degli strumenti a plettro con l’ensemble a organico variabile formato da giovani maestri e da docenti e allievi dell’istituto di alta formazione musicale cagliaritano.

Sbarca nell’Isola il Quartetto Adorno – fondato nel 2015 da Edoardo Zosi, Liù Pelliciari, Benedetta Bucci e Danilo Squitieri e perfezionatosi alla Scuola di Musica di Fiesole con Miguel Da Silva, Andrea Nannoni e Antonello Farulli: giovedì 18 ottobre alle 18 all’Auditorium del Conservatorio l’ensemble proporrà il celebre Quartetto op.18 n.3 in Re maggiore di Ludwig van Beethoven, Rosamunde D. 804 in la minore (Allegro ma non troppo, Andante, Minuetto – Allegretto – Trio, Allegro moderato) di Franz Schubert e l’intrigante Quartetto op.10 in fa minore di Claude Debussy – dalla struttura ciclica che si dipana attraverso i quattro movimenti Animé et très décidé, Assez vif et bien rythmé, Andantino – doucement expressif e il finale Très modéré- Très mouvementé et avec passion.

Tra Barocco e Impressionismo con incursioni nel Romanticismo per l’assolo del pianista Raffaele Moretti che martedì 6 novembre alle 18 all’Auditorium di piazza Porrino eseguirà le Sonate K1 in re minore, K32 in re minore, K35 in sol minore, K208 in La maggiore, K381 in Mi maggiore, K87 in si minore e K162 in Mi maggiore di Domenico Scarlatti per poi sfogliare il I e il II Quaderno di Images (Reflets dans l’eau, Hommage à Rameau, Mouvement e ancora Cloches à travers les feuilles, Et la lune descend sur le temps qui fût e Poissons d’or) di Claude Debussy e i Drei Klavierstücke D946 di Franz Schubert e concludere infine con la Sonata n.2 op. 35 in si bemolle minore di Fryderyk Chopin.

Un avvincente Concerto per due pianoforti – martedì 20 novembre alle 18 all’Auditorium del Conservatorio con Aurora Cogliandro e Rosabianca Rachel che interpreteranno in un gioco di specchi con un dialogo a distanza tra compositori la Fantasie für eine Orgelwalze K 608 in fa minore di Mozart-Busoni e Etienne Marcel di Camille Saint-Saëns – Claude Debussy, il Capriccio (Apres le bal masque) di Francis Poulenc per concludere con la prima esecuzione assoluta de “La vanità dell’ordine” di Gabriele Marangoni.

“Il Solista e l’Orchestra” – giovedì 29 novembre alle 18 all’Auditorium del Conservatorio – con Luca Schieppati (pianoforte) e l’Orchestra Palestrina diretta da Corrado Lepore per il Concerto K 453 in Sol maggiore – accostato all’incantevole Sinfonia n. 25 K 183 in sol minore di Wolfgang Amadeus Mozart e per chiudere in bellezza – lunedì 31 dicembre alle 18 all’Auditorium del Conservatorio “G. Pierluigi da Palestrina” di Cagliari – il Concerto di Capodanno con il pianista e compositore – nonché direttore d’orchestra Francesco Libetta, protagonista insieme con l’Orchestra degli Amici della Musica con un programma incentrato sulla musica di Johann Strauss.

La Stagione Concertistica 2018 dell’Associazione Amici della Musica di Cagliari è patrocinata e sostenuta dal MiBACT/ Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dalla Regione Sardegna e dal Comune di Cagliari – ed è realizzata in coproduzione con il Conservatorio “G. Pierluigi da Palestrina” di Cagliari.

PROGRAMMA DI SALA

AMICI DELLA MUSICA
DI CAGLIARI

in coproduzione con il Conservatorio di Musica “G. Pierluigi da Palestrina” di Cagliari

Da Scarlatti al Terzo Millennio

Stagione Concertistica 2018

Carlo Palese – pianoforte

PROGRAMMA

Domenico Scarlatti

Sonata K 380 in Mi maggiore – Andante comodo

Sonata K 547 in Sol maggiore – Allegro

György Sándor Ligeti

Musica Ricercata

Sostenuto – Misurato – Prestissimo,

Mesto rigido e cerimoniale, Allegro con spirito,

Tempo de Valse ( poco vivace – “à l’ orgue de Barbarie”)

Rubato. Lamentoso

Allegro molto capriccioso

Cantabile, molto legato,

Vivace. Energico

(Béla Bartòk in memoriam) Adagio. Mesto-Allegro maestoso

Vivace. Capriccioso

(Omaggio a Girolamo Frescobaldi) Andante misurato e tranquillo

Aleksandr Nikolaevič Skrjabin

Sonata in fa diesis minore n. 3 op 23

Drammatico, Allegretto, Andante, Presto con fuoco

 

IL PROTAGONISTA

Carlo Palese – pianoforte

Carlo Palese si diploma in pianoforte nel 1983, all’età di diciannove anni, presso l’Istituzione “L. Boccherini” di Lucca con il massimo dei voti, la lode e la menzione ad honorem. La sua formazione musicale si arricchisce grazie all’incontro con musicisti come Maria Tipo, Pietro Rigacci, Murray Perahia, Piero Rattalino. A coronamento degli studi svolti presso l’Ecole Normale de Musique Alfred Cortot di Parigi sotto la guida di Aquiles delle Vigne consegue nel 1991 Diploma Superiore di Esecuzione.

Durante questo arco di tempo coglie numerose affermazioni in importanti concorsi nazionali ed internazionali ( Premio città di Treviso, Arcangelo Speranza di Taranto, Premio Rendano di Roma, Premio Torrefranca, Concorso Internazionale Viotti- Valsesia, Città di Marsala, Vincenzo Bellini ed altri).

Nel 1992 è invitato negli U.S.A. per un giro di concerti e nello stesso anno ottiene un prestigioso secondo premio al World Piano Competition di Cincinnati (U.S.A.)

Premiato in importati concorsi internazionali, si esibisce regolarmente in recital solistici ed in formazioni cameristiche con partner musicali di assoluto rilievo. Ha collaborato con la R.A.I. ed effettuato incisioni discografiche per Camerata Tokyo ed EMA Vinci.

Ha collaborato con molti musicisti, tra cui i violinisti Alberto Bologni, Alessandro Cappone, Sam Mc Clure, Hae Sun Kang, Lucio Degani,Gregory Sandomirsky, Alexandre da Costa, Paolo Franceschini,i violoncellisti Giorgio Fiori, Cecilia Radich, Brian Kubin e Andrea Nannoni, i pianisti Cristiano Grifone, Andrea Rebaudengo, Giuseppe Bruno. Interessante la frequentazione del repertorio ottocentesco per Harmonium e Pianoforte in duo con l’organista Claudio Brizi.

I suoi interessi musicali spaziano dal repertorio classico alla musica del nostro tempo; in questo ambito è sensibile interprete di opere nuove, spesso a lui dedicate (Gabriele Manca, Gabrio Taglietti, Giovanni Salvemini, Fabrizio Festa, Gabriel Senanes per citarne alcuni). Sempre nell’ambito della musica del nostro tempo ha collaborato con vari Ensemble (Alter Ego, Sentieri Selvaggi, Set of Three).

Docente di Pianoforte principale presso l’Istituto superiore di Studi musicali “L.Boccherini” di Lucca, tiene regolarmente Masterclass presso importanti istituzioni in Italia e all’Estero. E’ spesso invitato a far parte della Giuria in Concorsi pianistici internazionali.

E’ responsabile artistico della rassegna musicale “Classica con Gusto” che si tiene presso la Fondazione Teatro Goldoni di Livorno. E’ inoltre Presidente dell’Associazione musicale Livornoclassica e Direttore Artistico del concorso internazionale “Livorno Piano Competition”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.