Aglientu. Per il rinnovo del Consiglio comunale sarà presente anche una seconda lista

Mancano solo gli ultimi dettagli per la definizione della seconda lista per le amministrative di Aglientu del 10 giugno prossimo.

A capeggiarla sarà Matteo Cassoni, attuale consigliere di minoranza. Di tempo n’è trascorso tanto per “partorire” questa lista. E’ stata una nascita alquanto travagliata e tribolata perché non si riusciva a trovare la “quadra” sulle persone da proporre e inserire in lista.

Inizialmente le diatribe sono scaturite sul nome da proporre come sindaco. Questo sì, questo no e si è andati avanti per un pezzo. Una volta che non si è raggiunto l’accordo, si è generata la spaccatura tra le diverse componenti. A quel punto, quindi, le due fazioni in causa hanno deciso di formare proprie liste. Anche questo tentativo, però, è naufragato, molto probabilmente perché non sarebbe stato facile trovare 13 persone per la composizione delle rispettive liste.

Infatti, l’impresa si è rivelata piuttosto ardua nel momento in cui si è andati alla ricerca dei possibili candidati, con rinunce e impossibilità a svolgere, per impegni di lavoro, il proprio mandato amministrativo con assunzione di responsabilità. Molto probabilmente sono state le tante rinunce o la lotta fratricida che sarebbe scaturita al momento del voto, lotta fratricida che, ovviamente, avrebbe favorito la vittoria della lista capeggiata dal sindaco uscente, Antonio Tirotto.

Fatti due conti, quindi, i leader dei due schieramenti, sollecitati da una parte della popolazione, si sono rimessi attorno ad un tavolo per verificare eventuali opportunità di un possibile accordo per il varo di una lista, in grado, soprattutto, di contrastare validamente le ambizioni del sindaco uscente. E’ stato un periodo, quello, simile a quanto stava accadendo a Roma per la formazione del Governo tra Di Maio e Salvini.

Alla fine, seppure in extremis, ha prevalso la ragionevolezza e l’interesse del paese. Ed ecco che, finalmente, superate le divisioni e le divergenze sostanziali, è “sbocciata” la lista, accolta con soddisfazione da una buona parte degli aglientesi. Al momento tutti i nomi non sono stati ufficializzati, si sa, tuttavia, che in lizza ci sono tanti giovani, vogliosi di imprimere una svolta  nel modo di gestire la cosa pubblica. E’ anche confermata la presenza in lista di rappresentanti delle diverse località: Porto Bello, Santa Maria, Vignola e Rena Majore, dove un outsider di tutto rispetto si è preso qualche giorno di tempo per la decisione definitiva, soprattutto per l’eventuale difficoltà di far coincidere professione con attività amministrativa.

Non è da escludere che la vittoria dell’una o dell’altra lista si giocherà soprattutto a Rena Majore, il nucleo elettorale numericamente più elevato. Va ricordato, in proposito, che alle passate amministrative, sancì la vittoria della lista capeggiata da Antonio Tirotto. Questa volta, però, le cose potrebbero andare diversamente, dal momento che anche la lista nascente potrebbe aver trovato a Rena Majore un valido candidato da opporre a Domenico Casula. Alle passate amministrative, in lista con Tirotto era presente Michela Moi, che proprio a Rena Majore raccolse un consistente numero di voti, “spianando” la strada al successo della lista di Antonio Tirotto.

Quest’anno, però, la “musica” potrebbe cambiare, qualora  l’esponente di Rena Majore sciogliesse la riserva per la candidatura. Insomma, rispetto a cinque anni fa, la lotta si annuncia più equilibrata e non sono da escludere eventuali sorprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.