Santa Teresa Gallura. Addio a Dalmazio Salvatori, uno dei pilastri della ristorazione teresina

Cordoglio e costernazione hanno destato la morte di Dalmazio Salvatori. Aveva 68 anni ed era nativo di Sassari.

Giunse a Santa Teresa nel 1965. Con lui se ne va un altro pezzo di storia della ristorazione teresina, settore al quale si dedicò dopo aver lavorato, da dipendente, in diverse attività locali: il “Busciolotto”, “Bar Busciò”, “La Marmorata”, “Corallaro”, “Hotel Moresco”, “Tropican” e “Porto Quadro”.

Tutte attività attraverso le quali ha maturato esperienza e formazione, in un periodo in cui Santa Teresa, sul fronte turistico, stava conoscendo una forte espansione. E ha colto il periodo giusto per diventare imprenditore in un settore, quello della ristorazione, appunto, di cui in paese si sentiva la mancanza di un ristorante di un certo livello.

Ed ecco che alle soglie del 2000, in via del Porto, crea il “Ristorante Azzurra”, che ben presto divenne punto di riferimento per gli amanti della buona cucina. D’estate come d’inverno, l’”Azzurra” ha fatto tendenza, frequentato da teresini e turisti d’ogni età.

E Dalmazio, fin da subito, si è fatto voler bene dalla propria clientela, che accoglieva sempre con un immancabile sorriso accompagnato da un cordiale saluto. Il menù e il servizio di alta qualità hanno rappresentato, da sempre, “la sigla” enogastronomico dell’”Azzurra”.

Nel 2005, inoltre, in Via Pertini ha creato il ristorante “La Lampara”, anch’esso, ben presto, diventato un punto di riferimento per gli amanti della cucina ad alto livello. E proprio quest’ultimo locale ha rappresentato il fiore all’occhiello di Dalmazio, una volta che ha deciso di cessare l’attività di ristorazione con l’etichetta del ristorante “Azzurra”.

Nel corso degli anni “La Lampara” è diventato un locale di tendenza con un’alta qualità del menù e del servizio, due prerogative alle quali Dalmazio, con il supporto del figlio Enzo, ha sempre tenuto, cercando continuamente innovazione e specializzazione.

Ciao, Dalmazio, uomo perbene che lascia un grande vuoto nella comunità teresina e un forte rimpianto in quanti lo hanno conosciuto. Un abbraccio affettuoso alla moglie ed ai figli, a cui auguriamo il conforto del ricordo di un eccezionale marito e padre.

Un commento

  1. Con profondo e sincero dolore siamo vicini alla moglie e ai figli per la scomparsa del signor Dalmazio. Fausta e Giuliano Bonifacino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.