Associazione donne sardiste: “La doppia preferenza di genere è al traguardo”

La discussione del Testo unificato sulla doppia preferenza di genere è al traguardo. Ovvero, il voto al cosiddetto “Stralcio” , come licenziato dalla Commissione Autonomia, che modificherà la legge statutaria del 12 novembre 2013 n.1.

Le donne sardiste erano presenti ieri in Aula per assistere all’approvazione della norma. Ogni deviazione tesa ad aggirare tale obiettivo, è stata interpretata alla stregua di un becero tentativo di bocciatura. L’A.Do.S. ha ricordato ai 60 Consiglieri Regionali ed in particolare ai Consiglieri del Gruppo Sardista, l’esigenza di chiudere positivamente l’iter lungo e complesso che ha impegnato per oltre un triennio la commissione competente. Sarebbe incomprensibile ed ingiustificabile qualsiasi proposta di aggirare l’impegno al voto palese con emendamenti che sortirebbero il solo effetto di distrarre dall’obiettivo “Stralcio”.

Chiediamo al Consiglio, pragmatismo e immediatezza. Chiediamo responsabilità e coerenza istituzionale. Chiediamo dignità e non umiliazione. Le insidie del voto segreto come pure la presentazione di emendamenti: metafore tecniche di un’imbarazzante bocciatura della norma, ammetterebbero il fallimento per la democrazia ed il tradimento alle donne sarde, cose che questo Consiglio Regionale non si può permettere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.