Budoni inaugura l’installazione permanente in memoria di Khaled Al Asaad

Budoni 14 ottobre in via Antonio Giagheddu 9 ore 11.30,
con il patrocinio del comune di Budoni,

in adesione alla 13 giornata nazionale dell’arte contemporanea indetta da AMACI, (Ass.Musei Arte contemporanea italiana),

verrà inaugurata una installazione permanente in memoria di Khaled Al Asaad archeologo e scrittore siriano (Palmira 1932 – Palmira 2015)

GLI ARTISTI FANNO MURO A BUDONI – Presentazione di Giuseppe Salerno

Che gli uomini erigano muri non è mai un buon segno. Quando a difesa della proprietà privata, del territorio, della cultura, dello stato si tracciano confini e si tirano su steccati, a vincere è la paura dell’altro, di ciò che non si conosce e che si considera una minaccia. Un muro è sempre una frattura nel continuum che è il carattere fondante dell’esistenza. Solo e assediato da mille incertezze, l’uomo crea categorie puramente mentali, irreggimenta la realtà, frammenta ogni cosa e produce discontinuità che non hanno alcuna corrispondenza con l’esistente. In un universo così ridotto a pezzi e contrassegnato da una dilagante perdita di senso, sopravviviamo incapaci di concepire visioni dall’alto.

Oggi, che soffiano venti xenofobi e nazionalistici, ancor più ci appare lontano quel tempo in cui assistemmo con speranza al Muro di Berlino che collassava sotto il fischio di quei fax che, forieri di un mondo più ristretto, sembravano aver vanificato ogni umano tentativo di creare barriere quando la globalizzazione non aveva ancora palesato il suo volto peggiore.

Ma cosa possiamo dire quando oggi ad erigere un muro è un artista? E’ una provocazione? Un muro per affermare che l’arte non ammette barriere? E sono gli artisti insieme, per loro natura diversi ed unici, a fare muro per sostenere che la realtà è una e tutti ne siamo parte? O, piuttosto, un muro costituito da aperture albergatrici di elaborati artistici si erge a metafora di una società nella quale spetta all’arte riattivare il dialogo tra parti separate e ricomporre l’unitarietà del reale? Un muro, animato e attraversato dal soffio del libero pensiero, è dunque lì a negare la propria natura?

Dedicata alla memoria di Khaled Al Asaad, l’archeologo che ha sacrificato la propria vita facendo muro in difesa del patrimonio artistico del suo paese, l’iniziativa, curata da Aldo Manzanares, si realizza a Budoni, nella splendida Sardegna.
A concepire l’opera “muraria” è Gigi Musa, professore di discipline plastiche al liceo artistico di Olbia, che l ha anche realizzata in concorso con l’artista tempiese Prof. Andrea Chessa. Gigi Musa, artista iglesiente, la cui cifra stilistica è nell’assemblaggio di piccoli frammenti del quotidiano. Un’opera alla quale concorrono, con le loro pietre dipinte, cinquanta anime creative. L’operazione, coerente con lo spirito di questo artista che si risolve nell’attribuire senso nel “mettere insieme”, risulta esteticamente tranquilla, lontana da pretese di spettacolarità e visibile peraltro in un luogo privato ed appartato.

Non difettando di pensiero e di libera espressività finalizzate unicamente alla messa in scena di un progetto collettivo e condiviso, sarebbe ingeneroso non assumere il tutto quale prodotto capace di invitare ad una qualche riflessione.
Noi artisti, a due anni dalla barbara uccisione dell’archeologo siriano Khaled Al Asaad, martire per l’arte, gli rendiamo omaggio con questa opera e le nostre pietre dipinte.

Laura Batzu , Giovanna Bertoia, Piero Carmelo Campanella, Anna Maria Canu, Lucia Canu, Giuseppina Carta, Silvia Carta, Andrea Chessa, Grazia Chisu, Condemi De Felice, Battista Doneddu, Elfriede Daeuber, Sabrina Deiana, Daniela Desole, Seb Falchi Martinez, Clay Ferrarese, Romano Galetto, Augusto Ghiani, Violetta Klemczak, Efisia La Macchia, Marco Lay, Aldo Manzanares, Anna Maria Meloni, Giovanna Melinu, Gina Muntoni, Gisella Mura, Walter Mura, Rosetta Murru, Gigi Musa, Bernadette Paddeu, Speranza Pinna, Raffaele Piras, Rita Carla Piras, Teresa Podda, Luigia Pollo, Luisella Roma, vi Rossa, Ventura Musu Saba, Simonetta Satta, Sarko Sarkos, Giuseppina Scanu, Sandro Serra, Stella Serpico, Carlo Pietro Solinas(Gatto) Anna Squintu, Daniela Squintu, Maria Sulas, Lidia Tangianu, Rosa Todde,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.