Elezioni comunali: tre liste, lotta all’ultimo voto

La politica teresina, in questo periodo, è in continua fibrillazione. Le iniziative in corso da parte degli schieramenti in lizza per il rinnovo del consiglio comunale, si susseguono a ritmo serrato. Per quanto concerne le liste di Angela Antona e di Stefano Pisciottu, possono dirsi già belle e definite, anche se rimane ancora qualche tassello da sistemare. Ma questa più che un’esigenza rappresenta una strategia dovuta, in modo particolare, a situazioni dell’ultima ora, nel caso in cui si riuscisse ad aggregare, nelle proprie file, qualcuno che, contattato inizialmente, aveva declinato l’invito alla candidatura.L’incognita elettorale, comunque, rimane la terza lista che sta approntando Ilaria Battino, secondo la quale sarà all’insegna del rinnovamento. Indubbiamente quella del 31 maggio prossimo sarà una contesa che non mancherà di generare vivo interesse tra il corpo elettorale. Ed è proprio quest’aspetto che renderà la contesa incerta come non mai.
A chi arriderà la vittoria finale? Sicuramente sarà una questione tra Angela Antona e Stefano Pisciottu. La lista d’Ilaria Battino, invece, fungerà da arbitro della situazione e non mancherà di raccogliere consensi nei diversi strati della popolazione. Che incidenza avrà sul corpo elettorale? Prima di conoscere la composizione della lista, è prematuro fare previsioni sulle sue reali potenzialità. Va da sé, però, che potrebbe fungere da ago della bilancia nell’eventuale successo di Angela Antona o di Stefano Pisciottu.
I più euforici, al momento, appaiono i supporter della lista Pisciottu, secondo i quali vincerà la contesa infliggendo alla lista di Angela Antona un bel distacco, sia in termini di voti, sia in termini percentuali. Da che cosa nasce questa sicurezza? Le considerazioni di alcuni, infatti, vertono sul fatto che la lista dell’amministrazione uscente parte sempre favorita, per altri, invece, per questioni di clientelismo e altri aspetti connessi alla gestione del potere. Insomma, in questa campagna elettorale non mancheranno gli ingredienti per renderla particolarmente vivace e, tra l’altro, tutti i candidati faranno il diavolo a quattro non solo per portare voti alla propria lista, ma anche per garantirsi i consessi necessari per l’occupazione di uno scranno in consiglio comunale.
Non mancano, in paese, le implorazioni affinché nelle diverse liste ci sia una bella rappresentanza giovanile. In quella d’Ilaria Battino, stando alle sue intenzioni, di giovani, uomini e donne, ci sarà una bella rappresentanza. Molto probabilmente nelle altre due la rappresentanza del mondo giovanile sarà in misura minore. Si tratta di vedere, poi, quanti di loro riusciranno a “sfondare” e fare l’ingresso, da trionfatori, nel palazzo comunale. A giocare un ruolo decisivo per la loro elezione, sicuramente saranno, oltre alle amicizie, anche le cerchie familiari, alcune delle quali, tra l’altro, impegnate su più fronti.
Da parte dei cittadini non mancano le “implorazioni” perché in consiglio comunale entri una buona rappresentanza di giovani e donne. Quest’auspicio riuscirà a trionfare? Molto difficile che avverrà, perché i “matusa” e i più navigati, politicamente parlando, non se ne staranno con le mani in mano, ma andranno alla caccia di voti in tutte le direzioni, per non patire, il 31 maggio a fine spoglio, la cocente delusione della non elezione.
Un altro aspetto di cui bisogna prendere atto è riconducibile al fatto della presenza, nelle liste di Antona e Pisciottu, di esponenti che, alle elezioni comunali del 2010, erano schierati su fronti opposti e, quindi, anche i voti, questa volta, sono soggetti a compiere il fatidico cambio di colore. Naturalmente, di questi tempi, c’è poco da meravigliarsi. I dissensi e i dissidi, dentro e fuori i partiti e i movimenti, ci sono sempre stati. Però, mentre Angelo Murineddu, ad esempio, il proprio dissidio e la rottura con l’amministrazione comunale uscente lo ha manifestato nel corso della legislatura, fa specie che altri, pur non essendo all’interno del consiglio comunale, ma politicamente schierati, abbiano deciso di “rompere” in vista di questa tornata elettorale. Da queste elezioni, quindi, attendiamoci anche possibili colpi di scena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Svolgi la seguente operazione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.